martedì 29 maggio 2012

TERREMOTO IN EMILIA ROMAGNA

Che disastro.
Purtroppo, dopo l'esperienza della scossa tremenda del 20 maggio, quando stamattina ho sentito la nuova scossa ho potuto subito paragonarla alla precedente per capirne la gravità.
Pur essendo a più di 200Km dalla zona devastata, il movimento è stato molto intenso;  ho sperato che fosse un piccolo terremoto nella mia zona e non la coda di un forte terremoto lontano, ma purtroppo la speranza è stata vana.
Mentre scrivo si parla purtroppo di 8 morti e, tra l'altro,sento ancora il susseguirsi delle scosse di assestamento.
Tra gli altri crolli, è collassato definitivamente anche il duomo di Mirandola (già duramente colpito dal terremoto precedente) ; l'avevo visitato solo qualche mese fa, in un giro delle "terre di Pico". Che tristezza.
Che tristezza infinita.

domenica 27 maggio 2012

IL CASO FORMIGONI

In attesa che la magistratura faccia chiarezza, procedendo se è il caso a contestare eventuali reati al Presidente Formigoni, da residente in Lombardia vorrei esprimere la mia opinione in merito.
Dalle informazioni pubblicate emerge il seguente quadro: il "faccendiere" Daccò avrebbe pagato centinaia di migliaia di euro per le vacanze di Formigoni (per yacht, aerei privati, ville ai Caraibi ecc ecc ecc).
La difesa del governatore è tutta basata su tre punti sostanziali:
- le sue vacanze di gruppo prevedevano "conguagli" finali tra gli amici (e quindi Formigoni avrebbe saldato alla fine le spese anticipate da Daccò)
- non è indagato (almeno per il momento aggiungo io)
- non ci sono prove che Daccò abbia avuto dei vantaggi economici dall'amicizia con Formigoni.

A prescindere dal profilo giudiziario che prenderà questa questione (se ci sono reati saranno debitamente contestati nella sede opportuna), quello che lascia sconcertati è la debole difesa di Formigoni.
In passato le battute taglienti contro i giornalisti, i sorrisi apparentemente "sereni" e le camicie a fiori del governatore lombardo sarebbero certo bastate.
Oggi no.
I tre pilastri sui quali poggiava il potentissimo governatore sono chiaramente in fase di collasso: il PDL di Berlusconi, la protezione ecclesiastica e l'inspiegabile benevolenza della gente verso il tanto decantato "modello lombardo".
Aggiungiamoci lo "stato psicologico da crisi" del popolo ed il gioco è fatto.


Presidente Formigoni, qui non si tratta (almeno per ora) di difendersi da accuse di reato,si tratta di opportunità e decenza politica.
Secondo lei è OPPORTUNO che il governatore della Lombardia possa farsi anticipare spese per centinaia di migliaia di euro da un "faccendiere"?
Accetti un consiglio: SI DIMETTA.
Nessuno dei suoi la difenderà.

NB: oggi che grida al complotto, le consiglio di "guardarsi in casa"

sabato 26 maggio 2012

MONTI A BERGAMO: CONTESTAZIONE DELLA LEGA

Dalla serie "i leghisti non sono stati al governo per 18anni ma sono atterrati ieri dal pianeta padanix", ecco che oggi una chiassosa rappresentanza di questa gente ha contestato Monti a Bergamo.
Urla, fischi, insulti, insomma niente di nuovo sotto il sole.
Anzi, no. In realtà è passato anche un aereo con una scritta di protesta.
Mi chiedo con che soldi abbiano pagato questo "gesto" (immagino i nostri).
MA PERCHE' I LEGHISTI NON MIGLIORANO MAI?
MA PERCHE' NON CERCANO UN BEL NASCONDIGLIO DOPO LA FIGURA BARBINA CHE HANNO FATTO?
E SOPRATUTTO, MA PERCHE' C'E' ANCORA IN GIRO GENTE (POCA IN VERITA') CHE ASCOLTA QUESTA GENTE?
MANDATELI A LAVORARE!!!!!!!!!!!!!!!

ECCO LA FRASE CHE L'AEREO MOSTRAVA (DICIAMO CHE NON E' PROPRIO UNA RIPRODUZIONE FEDELE, MA L'HO UN PO' SISTEMATA)


IL "CORVO" DEL PAPA

PERCHE' COME IN OGNI GIALLO CHE SI RISPETTI, IL COLPEVOLE E' SEMPRE IL MAGGIORDOMO!!!!


venerdì 25 maggio 2012

SECONDO ME PAPI VOLEVA DIRE TOPA NON TOGA..


YES WE TROMB!!!

           

BERLUSCONI, ALFANO E LA PIU 'GRANDE NOVITA' DELLA STORIA POLITICA ITALIANA

Ero in trepidante attesa (come tutti voi) della "piu' grande novità della storia politica italiana" annunciata da Alfano da settimane, ed oggi finalmente abbiamo saputo.
Niente di meno, Berlusconi ed Alfano hanno convocato una conferenza stampa per rilanciare la riforma costituzionale con l'elezione diretta del Capo dello Stato (modello francese) e lasciando intendere che Silvio saprà assumersi la responsabilità di fare il Presidente se richiesto dal PDL.

Ora, tralasciamo il fatto che nelle stesse ore la famosa subrette Marysthell Polanco ci dava l'ennesimo dettaglio delle famose serate Bunga Bunga (si travestiva da Ilda Boccassini e da Obama per divertire Silvio), veniamo alla cosa che più mi ha sconcertato di questa "novità epocale".
Che Berlusconi ed Alfano parlino ancora di "Bicamerale" niente di strano.
La cosa che sconvolge è la reazione di Bersani: "presidenzialismo? Non ci sono le condizioni":
Cioè, invece di rispondere con una sonora pernacchia  a questa puttanata (dopo l'attesa creata, ci si attendeva qualcosa di moooolto più "importante"), Bersani ha avuto il coraggio di rispondere nel merito.
Questo, di fatto, ha dato "dignità" a qualcosa che andava semplicemente svergognato con una GRASSA RISATA!


E' inutile. Quando i posteri analizzeranno questo periodo politico, di certo divideranno le colpe del berlusconismo anche con il PD e la pseudo sinistra che dovrebbero rappresentate.

ARRESTATO IL "CORVO" DEL VATICANO

In esclusiva per voi, posso riportare le prime dichiarazioni del "corvo" appena arrestato.
"Cra Cra".
Individuato in un campo di ipotesi, è stato subito arrestato prima che prendesse il volo.
Niente manette: sono sembrati più opportuni due anellini alle zampette.
Chi lo conosceva l'ha sempre visto "torvo" e vestito di nero.

GIRO D'ITALIA 2012:VALCAVA parte II

Eccoci finalmente le prime foto dei ciclisti.
NB: le foto sono state scattate da Zupacchiotta.e mostrano i ciclisti nel tratto successivo al tremendo muro di Valcava (la salita non è ancora finita e si soffre...ah se si soffre!!!)

(il primo ciclista a comparire è Matteo Rabottini. Come sappiamo la sua
fuga sarà poi premiata con la vittoria di tappa, nonostante una caduta in discesa.)

                                             (il francese Bonnafond all'inseguimento di Rabottini)






                           (Scarponi ed Cunego parlottano in mezzo al gruppetto che arranca)

                                                            




      (da sinistra Eros Capecchi, Ivan Basso, Damiano Caruso e Paolo Tiralongo)

continua.....

mercoledì 23 maggio 2012

LA BOMBA DI BRINDISI E IL VIDEO DEL SOSPETTO

Ricapitoliamo un attimo quanto sappiamo finora-

1) uno o più criminali hanno piazzato una bomba pseudo-artigianale davanti una scuola di Brindisi, facendola esplodere ed uccidendo una ragazza di 16 anni (e ferendo gravemente altri 6 studenti)

2) la scuola è intitolata a Francesca Morvillo e Giovanni Falcone.

3) la bomba era costituita da tre bombole di gas  di uso domestico, fatte esplodere con un telecomando a distanza (si parla anche di un sensore di movimento, ma non sono esperto e la cosa dai giornali non è chiara)

4) la bomba, almeno per l'ultimo tratto, sarebbe stata portata in quel punto a mano(pare la sera prima).

5) i criminali in questione non hanno rivendicato l'attentato.

6) le primissime ipotesi degli investigatori hanno puntato per la matrice di stampo mafioso (sacra corona unita).

7) col passare del tempo, gli investigatori hanno iniziato a virare sull'ipotesi "pazzo isolato".

8) i giornali hanno pubblicato la foto estratta da un video ripreso da due telecamere poste su un'edicola (ubicata proprio nelle immediate vicinanze della scuola) nella quale si vede  un uomo (anche se i giornalisti hanno coperto il volto) che manovra qualcosa con le mani (si parla di un telecomando).

9) emergono nuovi dettagli sul soggetto ripreso: pare che dal video emerga un'importante invalidità ad un braccio. Trapelano indiscrezioni degli investigatori a mezzo stampa secondo le quali l'uomo in questione sarebbe il responsabile dell'attentato (forse con un complice).

10) gli investigatori fanno sapere che la pubblicazione della foto ha interferito con le indagini e che è stato un atto grave e, aggiungo io, anche stupido.

11) viene fermato e messo sotto torchio un abitante del luogo, in quanto riconosciuto come l'uomo del video. Dopo un giorno intero di interrogatori, gli investigatori fanno sapere che il soggetto fermato (solo in veste di testimone) è estraneo ai fatti e, quindi, liberato (con tante scuse).

12) gli investigatori tornano alle classiche indagini a 360°, pur lasciando intendere che il video in questione riprenda il responsabile e, quindi, sia la chiave per individuare i colpevoli.

Per noi comuni mortali le notizie si fermano qui.

Ora, lungi da me il voler esprimere certezze in merito (come invece stanno facendo tanti), ma una considerazione vorrei farla.

E' davvero immaginabile che un soggetto ripreso in pieno giorno da ben 2 telecamere,per giunta  con una invalidità ad un braccio, possa non essere individuato dagli investigatori in tempi rapidi?
Con le tecniche attuali è praticamente impossibile che sfugga alla cattura.
Quindi le possibilità sono due:


1) o il soggetto ripreso è effettivamente quello fermato, estraneo all'attentato, e quindi il video è del tutto inutile (e allora farebbero bene a dirlo, così almeno i giornalisti smetteranno di "fantasticare" su questo presunto signor X)

2) o del soggetto ripreso gli investigatori sanno nome e cognome ma non sono ancora riusciti ad arrestarlo perché si nasconde (e gli inquirenti farebbero bene a chiarire che se ha avuto la possibilità di nascondersi è proprio grazie ai giornalisti che hanno pubblicato la foto)


Non vedo sinceramente altre possibilità. 
A meno di non voler davvero accettare l'ipotesi che con le informazioni dette gli investigatori non siano in grado di individuare questo criminale. Ma personalmente non ci credo affatto.


La mia impressione è che una normale pista investigativa (il video), da abbandonare una volta accertata la sua inutilità (l'uomo è stato individuato ma è estraneo ai fatti), resti in sospeso solo perchè la pressione dei media e dell'opinione pubblica sugli inquirenti è tanta e tale dal non poter ammettere la verità. E cioè che a 5 giorni dall'attentato, purtroppo,  si brancoli nel buio.
Spero naturalmente di sbagliare.

BERLUSCONI E BOSSI: PRESIDENTI E PADRI NOBILI


In attesa che Angelino Alfano ci illustri la novità epocale che ha in serbo per noi, colgo l'occasione per riflettere sull'attuale ruolo dei due " ex capi" di PDL e Lega.
Entrambi questi partiti sono nati e sono stati gestiti esclusivamente da un "padre padrone" che, con stili differenti, ha fatto il bello ed il cattivo tempo in ogni occasione.
Questo almeno finchè gli eventi non sono precipitati.
Il primo, schiacciato dagli scandali del bungabunga e dai processi, il secondo dalla gestione "disinvolta" dei danari pubblici del finanziamento al partito.
Il passo indietro è stato necessario per motivi sia ufficiali che ufficiosi.
Ma come si fa ad allontanare e mettere alla gogna il "capo" di un partito, quando quest'ultimo non è altro che una proiezione del potere personale del padre padrone in questione?
Non si può, a meno di non voler perdere tutto.

Ed ecco la trovata:trasformare il segretario federale in "presidente" del partito, proponendolo quale "padre nobile" .
Non sfugge però la sostanziale differenza dei due percorsi, ancorché entrambi molto accidentati (soprattutto in termini psicologici, per la perdita del ruolo stile "faraone egizio").

Berlusconi ha nominato il suo "successore", a mio parere scegliendolo palesemente inadatto (per mostrare la differenza), lasciando intendere il carattere temporaneo dello stesso (finchè passa la bufera) e non perdendo occasione per delegittimarlo con frasi estemporanee alle quali ci ha ormai abituato (per esempio il famoso "gli manca un quid"). 
Bossi ha subito la lotta di successione per il comando, cercando di contrastare l'auto-nomina di Maroni con espedienti a mio parere poco incisivi (per esempio il famoso triumvirato o il continuare ad alternare la volontà di ricandidarsi e la disperazione di mollare).


E questa differenza la si è vista anche dal come si è reagito alla "scoppola paurosa" delle amministrative.
Nel nostro Paese il vero potere non ce l'ha chi può evitare di prendersi le colpe di un errore che ha palesemente commesso, ma piuttosto chi può nominare un colpevole al suo posto (colpevole che la "base" naturalmente accetta).


Con questa logica si possono capire i veri valori in campo.
Il tracollo del PDL è stato addossato chiaramente ad Alfano e, da quanto apprendo oggi, pare che Berlusconi, prendendo le distanze dalla sconfitta dell'attuale "capo", voglia addirittura "scendere di nuovo in campo".
Il collasso della Lega è stato platealmente addossato a Bossi (Maroni non ha colpe?) che, come un "maschio alfa" che mostra il collo al nuovo capo branco in segno di resa, non ha neanche provato a reagire.

Insomma, la solita italietta da basso impero.
Mai che sia colpa di chi comanda. Di chi ha comandato fino a ieri e negli ultimi vent'anni.

L'ultima scena voglio però dedicarla ad Alfano.
La sua improvvisa ed inaspettata ascesa e la rumorosa caduta di questi giorni mi hanno fatto venire in mente una scena di un vecchio film di Fantozzi : Ugo ha avuto la fortuna di poter accompagnare il Mega direttore clamoroso , duca conte ing Semenzara, al Casinò di Montecarlo. Ha la mano sotto il culo del "capo" e lo sostiene a modo suo nel gioco d'azzardo. Le cose si mettono bene, il duca conte stra vincendo...e la carriera di Ugo inizia a lievitare..."Impiegato di settima: scrivania in mogano, poltroncina in staglio finta pelle, telefono, pianta di ficus, simbolo del potere. Impiegato di quinta: lampada di opalina, piano di cristallo, naif jugoslavo alla parete, due piante di ficus. Impiegato di prima: quattro piante di ficus, tre telefoni, dittafono, sei quadri naif, tappeto e moquette per terra. Era arrivato fino alla soglia della dirigenza, vale a dire serra di piante di ficus, e poltrona in pelle umana.."
Quando la fortuna voltò rovinosamente le spalle al Semenzara.....
"Lei mi ha ridotto sul lastrico, menagramo! Se ne vada! Sparisca, menagramo, prima che la licenzi, menagramo d'un menagramo!"

L'impressione è che per Alfano il "Semenzara" sia stato meno clemente.
Interessante è vedere come finisce la storia.
Ugo punta una manciata di spiccioli per portare un regalo alla sua babbuina e vince. Il duca conte si appropria subito della vincita e....
e....
"Con quella somma insanguinata, il Semenzara poté pagarsi il conto della suite al Grand Hotel, gli extra, due puttane, e il singolo in vagone letto per il ritorno. Fantozzi, invece, dovette provvedere con mezzi propri."

Ultimissima scena (in verità nel film è molto prima), il Semenzara-Silvio che stizzito si rivolge al ragioniere Ugo-Angelino urlandogli:
..."e la smetta di toccarmi il culo !!!!"


L'ho fatta lunga lo so.

  

martedì 22 maggio 2012

GIRO D'ITALIA 2012: VALCAVA (parte I)

Freddo polare (4°C), pioggia cattiva e nebbia disarmante.
Questo è stato il benvenuto che il valico di Valcava ha riservato ai ciclisti del Giro (e a noi tifosi) nella tappa Busto A.-pian dei Resinelli (Lecco).
Esclusa a priori la bici (per vari motivi), ho pensato che arrivare lì in moto o, peggio, in auto, non sarebbe stato nello spirito della corsa. Per questo, con Zupacchiotta, Saso e un altro amico, abbiamo scollinato a piedi attraverso la montagna (da Carenno), battendo un sentiero che era classificato come "E-escursionistico" (che tradotto dal "montagnese" vuol dire "estremamente facile"). Sarà stato il freddo, sarà stata la pioggia, saranno stati i 5-6km in salita tra gli alberi (salita che definire accidentata è poco), fatto sta che all'arrivo ero a pezzi.

(foto1: Zupacchiotta  in versione"wonder woman"e un amico Lupin mentre arrancano)

(foto2: Grande Puffo ci saluta durante l'ascesa)



                           
                                               (foto 3: l'asinello incontrato per caso)

                                                   (foto 4:ok, confesso: c'era pure il cavallino)

     (foto 5: Papito coperto e già finito)

                           
                                             (foto 6: Zupacchiotta si arrampica nella boscaglia)

Al nostro arrivo (con un anticipo fantozziano...tipo 2 ore prima dell'orario previsto dalla corsa per il passaggio dei campioni) abbiamo rispolverato le nostre (mie) nozioni di sopravvivenza (grazie a Bear Grylls), recuperando nell'ordine:
- un rifugio pseudo-asciutto (il filo di un tetto che fortunatamente sporgeva di una trentina di cm dal muro di una vecchia casa);
- del cibo (per me e Saso un panozzo-focaccia crescenza e mortadella che appesantiva il mio zaino sin dalla mattina. Per Zupacchiotta ottimi tramezzini di legno e per l'amico un'allucinante scatoletta tonno e fagioli dall'odore nauseabondo, mangiata con coltello alla "tonno nostromo" )

                             

     (foto 7: l'oscena scatoletta tonno  e fagioli)

           
 (foto 8: accampati, infreddoliti e con tanto di ombrelli a coprire le gambe dalla pioggia)

 (foto 9: accampati così per due ore....in attesa del Giro!!!)



Restava il problema del riscaldarsi (a parte coprirsi con tutto quello che avevamo, non c'era altro da fare) e di far passare il tempo senza morire assiderati.
La prima parte dell'avventura la voglio chiudere con l'immagine che ci si è presentata una volta arrivati a destinazione.

                         

 (foto 10: ecco lo scenario di Valcava; non proprio al valico, ma in un punto un pò più giù)


Continua....

ASCANIO CELESTINI E I SEDICENTI ANARCHICI DEL FAI-OLGA

Come sempre Ascanio Celestini ci offre un punto di vista dal quale attingere come da un'oasi nel deserto.
I dubbi sull'autenticità della rivendicazione ad Adinolfi iniziano a circolare.

FILIPPO FACCI SULLA BOMBA DI BRINDISI


Poteva mancare il commento di Filippo Facci sull'attentato di Brindisi?

Certo che no.

Tralascio il "motore" che a mio parere ha spinto Facci a scrivere il pezzo (colpire l'antimafia per difendere l'anti-anti-berlusconismo di cui è uno dei paladini) e cerco di concentrarmi sulla "prova" secondo la quale (per Facci) non sarebbe un attentato mafioso o terroristico.
Secondo il noto giornalista in questione "...nessuna mafia o terrorismo avrebbero usato una bomba così sfigata, fatta con bombole del gas di uso comune e con un detonatore da vendita per corrispondenza, azionato da un professionista così abile da farsi riprendere da una telecamera".

Tralascio anche il resto (gli attacchi a Grillo, agli altri politici "non amati" e all'immancabile Ingroia, ultimamente sotto tiro di Facci-chissà come mai..), perchè sinceramente non ho la forza di commentare altro.
Ancora non sappiamo niente di questo attentato e Facci commette lo stesso errore del quale accusa gli altri: esprime giudizi fondati su una granitica certezza, pur non avendo a disposizione che qualche ipotesi o analisi di confronto con avvenimenti precedenti.
Il tutto per colpire l'antimafia e tutti quelli che in questi anni hanno demonizzato (giustamente) il fenomeno mafioso con azioni dirette (i magistrati e le forze dell'ordine) ed indirette (i commentatori, gli intellettuali, i politici, ecc).



Un consiglio però a Facci vorrei darlo (a parte quello scontato di prendersi un pò di vacanza): quando si scrive un articolo su un avvenimento così tragico, ci si muove in equilibrio precario tra retorica e cinismo. Sarebbe sempre meglio scegliere con cautela gli aggettivi per illustrare la propria opinione su questa tragedia ma, se proprio non  si riesce ad essere equilibrati, meglio essere retorici che cinici.

E secondo me definire "sfigata" la bomba che ha ucciso una ragazza di 16 anni davanti la propria scuola è di un cinico insostenibile.

Sempre meglio la melassa della retorica che l'acido del cinismo.

lunedì 21 maggio 2012

LA LEGA NORD E I BARBARI PERDENTI!

Barbari sognanti?
Ah ah ah ah
Lega 2punto zero????
Ah ah ah

La lega ha perso tutti i ballottaggi (7 su 7).
Ha perso pure Tradate (nella quale Maroni aveva pure chiuso la campagna elettorale).

Ho voluto sintetizzare in un'immagine lo stato d'animo del leghista....


MA PERCHE' I LEGHISTI NON MIGLIORANO MAI?

domenica 20 maggio 2012

BE BOP BALUBA


In questi giorni così tristi per il nostro Paese, i giornalisti continuano a mostrarsi quanto meno incapaci (per non dire altro).
Ci sarebbero tante cose da contestare, ma sono parecchio schifato e non ho nè voglia nè forza di parlarne.

Del resto per i giornalisti vale lo stesso discorso fatto per la classe politica.

Il popolo italiano ha i politici ed i giornalisti che si merita!
E se il TG1 ritiene che Red Ronnie possa "spiegare" il terremoto agli italiani  con le profezie dei Maya, beh evidentemente è quello che meritiamo.
E se l'orribile crimine commesso a Brindisi è "gestito" come l'ennesimo "giallo dell'estate" (modello Avetrana), beh è colpa nostra che non protestiamo.

Ignoranti, cinici, retorici da far voltare lo stomaco, costruiscono i loro "servizi" raccogliendo le informazioni dalla rete (twitter, youreporter,ecc), senza nessuna volontà di informare.
Musica strappalacrime, frasi fatte e via....che l'audience si impenna .
Sciacalli.

sabato 19 maggio 2012

BOMBE A BRINDISI

BASTARDI ASSASSINI.

MELISSA AVEVA 16 ANNI.

SIATE MALEDETTI.

venerdì 18 maggio 2012

OGNI SCRITTA SUL MURO E' NOTIZIA?

Saso segnala (per tempo ma inutilmente) il rischio "stato paranoico da ritorno agli anni '70" dei nostri giornalisti.
Ogni minchiata che qualche imbecille scrive su un muro diventa "rischio terrorismo".
Stiamo tornati ai tempi nei quali i carabinieri di paese contavano le scritte "pro-Stalin" sui muri della provincia italiana per relazionare al prefetto e al governo?
No.
Semplicemente non ne siamo mai usciti.
Povera Italia.

Ah...segnalo ai giornalisti italici che in un muraglione vicino casa mia c'è scritto "REPUBBLICA DEL NORD". Che l'Italia sia stata divisa a nostra insaputa? O c'è il rischio di "terrorismo separatista"?
Ah, e c'è anche un'altra scritta che recita: "Frigerio culo".
Per quest'ultima, resto in attesa che i nostri media ne spieghino il significato.

PUAH!!!!!!!

IL DEPUTATO DELLA LEGA NORD E L'INNO NAZIONALE

In questo momento così drammatico per la Lega Nord, nel quale Bossi sta uscendo con le "ossa rotte" dalle inchieste sulla gestione dei rimborsi elettorali, gli spaesati dirigenti leghisti si stanno dividendo su tante cose. Anche sulla reazione allo sputtanamento.
Ci sono i "barbari sognanti" di Maroni che fanno "quelli che cadono dalle nuvole" e, se da un lato parlano di "lega 2.0", "fuori i ladri" e tutte gli altri slogan per mostrare intransigenza, dall'altro fanno "quadrato" intorno a Bossi, difendendo l'indifendibile (e coprendosi naturalmente di ridicolo).
Ci sono quelli tipo Salvini che se la cavano con frasi fatte e vuote tipo "chi sbaglia in lega paga due volte", "chi ha sbagliato ha fatto un passo indietro" (ma non sono errori on.Salvini, sono REATI e non basta fare un passo indietro!!!) ma poi concentrano tutta la difesa puntando a "cose più serie e gravi" tipo lo spread, i suicidi, la crisi, le aziende del nord che chiudono, ecc ecc.Cioè Salvini se la cava con un "voi mi chiedete di qualche spicciolo portato via dal Trota, che tra l'altro a differenza degli altri si è dimesso, e qui, tra crisi, spread ed euro, viene giù la "padania". Mai che ci fosse un giornalista a ricordare a Salvini che sono stati al governo fino a novembre e, più o meno in modo continuo, negli ultimi 20anni hanno messo becco e condizionato tutta la politica italiana. Avranno responsabilità anche loro del dramma dell'Italia di oggi o, come sempre, è colpa degli Ufo, del Sud, di Roma, dei poteri forti???

Ci sono quelli duri e puri a prescindere, tipo Gentilini, che chiedono "la fucilazione di Bossi per alto tradimento": uno potrebbe pensare che ci sia finalmente una reazione vera ai furti della Family (naturalmente, dando per scontato che la "fucilazione" proposta dallo "sceriffo" sia solo figurata).
Purtroppo però, l'impressione è che la reazione di Gentilini sia solo legata alle lotte interne Lombardia-Veneto per il comando nella "lega 2.0" o per la secessione della Liga veneta dalla Lega nord (l'unica secessione vera della lega).



E poi, in questo mare di ipocrisia, c'è anche chi straparla più del solito, proponendo tesi o iniziative che lasciano attoniti.

Il capo fila è naturalmente l'ineguagliabile Borghezio che, nel programma radiofonico "La zanzara", ha proposto la sua personalissima idea su Hitler e il suo "governo":
Una tesi così schifosa da non poter essere commentata (on.Borghezio anche Jack "lo squartatore" avrà fatto qualcosa di buono nella vita: che so avrà salutato per strada qualcuno o avrà aiutato una vecchina a superare una pozzanghera. Il fatto che poi di notte se ne andasse a sgozzare le prostitute potrebbe essere un problema sul giudizio finale no? Ma sarebbe carino capire cosa ne pensa Borghezio in merito)
A seguire, forse per sfruttare la scia di Borghezio, compaiono ogni tanto degli onorevoli come quello che vi segnalo oggi, sicuramente degni di nota.


In pieno scandalo Lega questo onorevole, al secolo Davide Cavallotto, deputato delle Lega nord, dalla prima pagina del sito di questo partito tuona niente meno che contro "l'assurdo obbligo di cantare l'inno nazionale per i bambini delle scuole elementari".

Ora, non so se ci siano gli estremi per contestare a questo signore il vilipendio, ma mi chiedo se davvero la gente che fino a ieri ha votato Lega sia ancora disposta a farsi "ipnotizzare" da queste iniziative RIDICOLE.

Onorevole Cavallotti si ricordi lei è un Deputato della Repubblica italiana.
Onorevole Cavallotti non crede che sia scorretto rappresentare l'Italia ricoprendo una carica di prestigio, tra l'altro LAUTAMENTE remunerata, e contemporaneamente esprimersi come ha fatto nel suo comunicato?


MA PERCHE' I LEGHISTI NON MIGLIORANO MAI?

SALLUSTI E IL CAV. MAGRE CONSOLAZIONI

Alessandro Sallusti ci regala un'altra perla di giornalismo, spiegandoci (da attento e, come sempre, neutrale osservatore) le vicende giudiziarie del Cav (ma perchè quelli del Giornale continuano a chiamarlo Cav, quando, essendo in confidenza, potrebbero usare il più consono Papi?).

Mi scoccio parecchio ad analizzarlo frase per frase (è stata una giornata pesante) e, quindi, mi limito a formulare solo qualche osservazione.

1) Alex sei sicuro che il Cav sia stato tenuto sotto scacco per 7 anni dalla magistratura? E soprattutto, sei sicuro che l'immagine dell'Italia nel mondo sia stata screditata da questo processo? Perchè potrei sbagliare, ma mi pare che i giornali di tutto il mondo si siano riempiti di BungaBunga e papi-girl scosciate più che di avvocati inglesi e società off shore.

2) secondo me un processo può definirsi  palesemente infondato quando il fatto non sussiste e l'indagato è prosciolto perchè riconosciuto innocente. Se parte delle prove non sono utilizzabili per un errore tecnico e l'indagato, inoltre, grazie ad espedienti vari (tralascio per carità di Patria)  riesce ad ottenere la prescrizione,   si fa fatica a parlare di "processo palesemente infondato". No?

3) cosa sarebbe l'assoluzione per prescrizione? Perchè l'assoluzione è una cosa, la prescrizione un'altra. Forse volevi dire "proscioglimento per prescrizione"?

Perchè vedi, si è assolti quando si dimostra la non colpevolezza.
Si è invece prescritti quando, colpevoli o meno, si sono superati i termini che la legge prevede per emettere una sentenza. 


4) la "prova regina" esiste: la famosa lettera nella quale Mills confessa di aver evitato un "mare di guai" a mister B. Il problema è solo che per il Giudice, secondo una sentenza della Cassazione del 2009, questa lettera-confessione doveva essere illustrata anche oralmente da chi l'ha scritta. A prescindere dal merito della questione, questo può essere valutato come un errore tecnico. Altra cosa però è dire che la prova è inesistente.

5) la "casta delle toghe" sarebbe peggio di quella dei  politici? Mmm....la pensiamo in modo diverso. A proposito, e la "casta dei giornalisti" come si posiziona nella tua classifica?

6) dubito che il Cav possa avere dei risarcimenti per "Ingiusto processo". Può sempre provare a chiederli naturalmente.

7) 12milioni di italiani andrebbero risarciti perchè per colpa dell'ingiusto processo è stata resa vana la loro scelta? Uno strano concetto. Siamo ancora all'idea che "l'eletto dal popolo" sia al di sopra della legge?  E soprattutto, non ritieni forse necessario ricontare questi milioni di italiani? Perchè dalle ultime amministrative, non mi pare che gli elettori siano quelli che ricordi tu.


8) ancora con questa storia del primo governo del Cav (quello del '94) caduto per l'avviso di garanzia spedito al summit di Napoli? 
Ma basta!
E' una fesseria clamorosa e continuate a ripeterla.
IL PRIMO GOVERNO DEL CAV L'HA FATTO CADERE BOSSI (PER LE PENSIONI) E NON PER L'AVVISO DI GARANZIA DEL SUMMIT DI NAPOLI!!!!


In questo video Di Pietro ha provato a spiegartelo ma, evidentemente ancora devi maturare la cosa (il video è lungo. Se volete evitare di vederlo tutto, andare al minuto 8)
In quest'altro video invece, dalla stessa bocca del Cav, sentiamo la reazione del dopo caduta del governo (non mi pare parli nè di toghe rosse, nè di avvisi di garanzia). Ah, l'avviso di comparizione non è un avviso di garanzia (ma questo è un dettaglio rispetto al resto)

9) per le riabilitazioni del Cav direi che ti sei un pò allargato. Non mi sembra ne stiano arrivando. Grasso ha specificato che si riferiva al discorso dei beni confiscati alla mafia. Punto. Il resto l'avete aggiunto voi giornalisti.

10) per le scuse su quello che definisci "squallido spionaggio domestico spacciato per inchiesta giudiziaria" (caso Ruby) direi di aspettare un pò. Che dici? Vediamo che ne pensano i giudici prima?

La chiusura merita invece di essere ricopiata parola per parola:

"E poi alla Procura di Milano non sorrideranno più gonfi di boria, esattamente come è capitato a Sarkozy (e presto capiterà alla Merkel), che a differenza di Berlusconi non se ne è andato spontaneamente ma è stato cacciato dagli elettori. Per ora dobbiamo accontentarci di magre consolazioni. Ma domani chissà."


Da questa frase uno stupido come me può essere indotto a credere che il Cav porti sfiga.
Ah, guarda che sulla storia dell'essersene andato spontaneamente non tutti concordano. C'è chi parla di crolli di azioni di famiglia e affini. La vendetta su Sarkozy e la Merkel continua: ancora vi brucia la famosa risata e???????
Magre consolazioni...Ma domani chissà...


giovedì 17 maggio 2012

FILIPPO FACCI VS GRILLO E TRAVAGLIO

Ammetto di aspettare sempre con ansia gli articoli di Facci e di leggerli con quel piacere tipico di noi masochisti  di sinistra.
E anche questa volta Facci non ha deluso.
Il solito articolo nel quale appare così confuso da lasciare interdetti.
Vi giuro che ho provato a capirci qualcosa, ma l'impresa è stata vana.
L'unica cosa chiara sono le offese a Grillo e al solito Travaglio.
Spero che per fine d'anno Facci rileghi tutti i suoi articoli in un'unica pubblicazione, in modo da poter regalare una serata di allegria ad uno "sfigato in fregola tardo-puberale" come me.

Facci un pò di vacanza no?

SEMPRE SULLA RIVENDICAZIONE DELL'ATTENTATO AD ADINOLFI


Ho già espresso delle perplessità sull'attendibilità della prima rivendicazione (ammettendo però di non essere esperto) e continuo ad averne.
Il nuovo volantino spedito a "Calabria ora" è dichiarato non attendibile da parte degli investigatori e, quindi, non vale la pena parlarne.
Vorrei tornare però alla prima rivendicazione.
Ho cercato un pò in rete, ed ho trovato diverse analisi interessanti di chi, come me, non crede che ci sia davvero la mano degli anarchici in questo che, sia chiaro, è e resta un crimine ignobile.


Ma ci sono anche tanti, in verità la maggioranza, che pensano sia effettivamente attendibile.
Da semplice osservatore mi limito a segnalarvi le tre cose più interessanti che ho scovato nelle analisi di internauti più informati di me in materia di anarchia:

(mi riferisco sempre al primo volantino, quello di rivendicazione dell'attentato ad Adinolfi)


1) la frase iniziale riportata è di Bakunin ma, strano per degli anarchici, ne hanno sbagliato il nome:
hanno scritto Michael e non Michail (l'hanno scritto all'americana, anche se era russo?).



2) uno dei passaggi più sconcertanti è quello relativo al "piacere" provato da questi criminali nel armare la loro mano.
Diversi termini sono copiati direttamente al libro "La gioia armata" di Alfredo Maria Bonanno (un criminale della peggior specie naturalmente), nel quale Bonanno parla del piacere provato quando "azzopparono" Montanelli.


3) tutta la parte relativa all'Ansaldo-Finmeccanica, pare sia stata ispirata da un documento pubblicato da tempo da Indymedia (ma scritto meglio rispetto a quanto hanno fatto i criminali violenti in questione)



E quindi direte voi? Cosa ho dimostrato?
Niente.
Non volevo dimostrare niente.
Ho solo raccolto queste tre segnalazioni della rete.
Le mie perplessità restano.
Spero che questi criminali si costituiscano, che interrompano immediatamente qualsiasi altro proposito violento e, soprattutto, che smettano di parlare a nome del popolo italiano (che strani anarchici....gli anarchici non credono al senso stesso della rappresentanza).




mercoledì 16 maggio 2012

SCANDALO LEGA:UMBERTO BOSSI INDAGATO PER TRUFFA AI DANNI DELLO STATO


La notizia non mi ha colto di sorpresa. Anzi, me lo aspettavo.
Del resto l'evidenza dei reati era abbastanza palese anche a chi, come me, non è esperto di codice penale.


Che dire?
Per festeggiare mi sono bevuto un bicchierino di quelli buoni. Ma buoni buoni (tipo quello bevuto alle dimissioni di Papi)


Allora, ricapitoliamo i reati contestati:


- Umberto Bossi : truffa ai danni dello Stato
- Belsito: truffa ai danni dello Stato e appropriazione indebita
- sen.Stiffoni: peculato
- Renzo Bossi: appropriazione indebita
- Riccardo Bossi: appropriazione indebita


Ora spero che i leghisti (tutti) trovino un posto dove andare a nascondersi!!!!!

NB: per i leghisti, lo Stato del quale si parla nella contestazione dei reati non è l'inesistente padania.
       
E ora vediamo se Maroni avrà il coraggio di dire come la pensa in merito.
Aspetto con ansia la risposta dei "barbari sognanti".
Faranno il solito patetico quadrato di difesa intorno al "senatur" o spareranno a zero sui neo indagati?

LA PADANIA NON ESISTE, I LEGHISTI PURTROPPO SI!

MA PERCHE' I LEGHISTI NON MIGLIORANO MAI?

A COSA SERVE L'ESERCITO?


Stamattina pensavo ai tagli che questo Governo sta operando sullo stato sociale, sui servizi primari e, più in generale, sulla vita degli italiani.
Poi mentre si alzava lo sdegno per i tagli che invece non si fanno (quelli sulla politica, sui privilegi e su tutte le schifezze di quella che è ormai nota come "classe digerente"), ho pensato all'Esercito Italiano.
Ma a che serve un esercito nazionale nel 2012?
Più di 100.000 persone. Ma che fanno? Di cosa si occupano?


A parte presidiare le parate ed impegnarsi in "grandi manovre" a favore di telecamera, non è che mi venga in mente altro.
Certo, intervengono anche a supporto della Protezione Civile, in caso di calamità e/o necessità e per servizio pubblico. Ma non è la prima attività e, comunque, non è lo scopo principale.
Ma perchè non si prova a razionalizzare questo carrozzone inutile?
Basta fanfare, alzabandiere e prove di coraggio.
Basta carri armati, mitraglie e caccia bombardieri.
Se proprio non si può cancellare, che almeno si usi in modo intelligente.
Come?
Ecco la mia ricetta.


1) si divide l'attuale struttura, facendo convergere nell'Arma dei Carabinieri i militari più professionali e meglio addestrati.
2) si creano due corpi  permanenti, che si occupino solo di Protezione Civile e Ordine Pubblico.
3) si censiscono tutti i beni (ma seriamente), da utilizzare subito e al meglio.
4) si individua una ristrettissima struttura di difesa militare, a servizio della Nato e dell'Europa.


Tutto questo, partendo dal presupposto che, volendo o non volendo, l'Italia è nella Nato e, come altri paesi, ha una struttura di difesa internazionale che, certamente, non necessita di un doppione nazionale.
Ci sono tante istituzioni che avrebbero bisogno di supporto, mezzi e risorse (Tribunali e Giustizia,Vigili del Fuoco, Protezione Civile, Pubblica Sicurezza,ecc,ecc). Si potrebbe fare tanto tagliando dove davvero si può.

Naturalmente lo stesso discorso può essere esteso alla Marina Militare ed all'Aeronautica Miliare.
Ma dubito che si interverrà mai in questo senso.
Si continueranno a tagliare le pensioni dei poveracci, i servizi primari e la vita milioni di italiani che, di certo, non meritano questo SCHIFO!


martedì 15 maggio 2012

COERENZA LEGHISTA SUL VALORE LEGALE DELLA LAUREA

Sono anni che i leghisti urlano ai quattro venti che le lauree prese in "padania" hanno un valore superiore a quelle del resto d'Italia (naturalmente è una puttanata tremenda) e per questo, ad intervalli regolari, propongono l'eliminazione del valore legale di questo titolo di studio. La solita sparata leghista ....
Poi è emerso il caso del Trota e della sua bella laurea albanese (dalla quale si è dissociato...) e i leghisti sono andati a nascondersi?
Figurarsi.
Non solo non hanno smesso di avanzare le loro tesi strampalate, ma hanno anche avuto la forza d'animo di "approfittare" dello scandalo della laurea del Trota per riproporre di nuovo l'eliminazione del valore legale della laurea.
Eccone un ottimo esempio....

IL TALEBANO PADANO

Non esisteva. L'hanno inventato.
Il talebano, il blog diversamente padano!
Tutto per non aprire gli occhi.
Ma perché i leghisti non migliorano mai?

LIBERO E IL COLPO DI CULONA

Quelli del giornale Libero continuano a scrivere pagine di storia.
Ecco l'articolo di apertura del sito, nel quale accusano la "culona" di avere una qualche responsabilità nel fulmine che ha colpito l'aereo del neo presidente francese Hollande.
Ho fatto anche un printscreen, perchè penso che a breve il termine culona lo sostituiranno (per decenza)....

e questa è l'immagine sobria che hanno scelto per l'articolo in questione
(imperdibile il dettaglio della cellulite disegnata sul popò)

QUESTO E' IL LIVELLO DEL NOSTRO GIORNALISMO?


QUELLO CHE NON HO: FAZIO E SAVIANO IN TV

Premetto di aver provato un'invidia viscerale per il Saviano che si è tolto il classico sassolino dalla scarpa contro la Lega nord e Maroni, chiudendo da vincitore il famoso scontro sui legami Lega-'ndrangheta.
Ma anche il "cazzotto figurato" contro l'elefantino Ferrara ("non rispondo perchè non ho stima") non è stato male. Avrei naturalmente fatto a meno di Fazio (ha uno stile da "ovetto kinder" che non mi è mai piaciuto), ma per il resto il programma è scivolato in modo efficace.
Il programma di ieri dimostra una cosa importante: in Italia non abbiamo una TV decente. Perchè?
Perchè basta un programma come quello di Fazio e Saviano, carino certo, ma niente di eccezionale, per restare a bocca aperta e parlare di capolavoro.
Anni di "amici di maria", di "vite in diretta", "di mattini 5",di "buone domeniche" e di tutte le porcherie che da anni rincoglioniscono gli italiani, ed ecco che un buon programma diviene la "cappella Sistina della TV".
I berluscones naturalmente attaccheranno Saviano ed il suo programma, così come faranno i leghisti (per ovvie ragioni), ma avranno nelle orecchie le parole di Fazio e il suo "ricrescita dei capelli di.....ormai è acqua passata"
Deve essere davvero dura per mister B sentire che è diventato "acqua passata"....
3 serate forse sono troppe dicono gli esperti di TV, anche se estimatori del prodotto.
Per me invece sono poche.
Soprattutto se l'alternativa è Belen che parla della sua nuova storia col ballerino, lasciando (incredibilmente) gli italiani incollati alla TV, manco fosse la ricetta anti-crisi.
Soprattutto se l'alternativa è l'ennesima criminologa (scosciata) che descrive morbosamente le 500coltellate inferte nel giallo dell'estate (stiamo aspettando che la TV lo incoroni...)
Soprattutto se l'alternativa è la TV di questi anni di berlusconismo acuto...


lunedì 14 maggio 2012

PERCHE' DE PEDIS E' SEPPELLITO IN UNA CHIESA

Oggi che finalmente si è aperta la tomba del criminale De Pedis, nella speranza di far luce sulla scomparsa della povera Emanuela Orlandi, spero che qualcuno si sia fatto la domanda giusta: perchè un delinquente come "Renatino" De Pedis è seppellito in una chiesa di Roma?
La scientifica ci dirà cosa è stato trovato davvero in quella tomba ma, nell'attesa, permettetemi di provare ancora una volta il mio sdegno più assoluto.
I criminali non meritano l'onore di essere seppelliti in una chiesa.
Punto.

IL FANTASTICO SALLUSTI E IL TRAVAGLIO DOLOROSO

Giuro che non smetterò mai di ammirare Alessandro Sallusti.
Impossibile non provare lo smarrimento tipico della sindrome di Stendhal dinanzi ad uno dei suoi memorabili articoli.
Vi invito quindi a leggere quanto è riuscito a scrivere su Travaglio oggi.
Ma vogliamo analizzare un pò quanto ha scritto?

(articolo di A.Sallusti, tratto dal sito del Giornale del 14maggio2012).
Il testo in blu è di Sallusti, i commenti in rosso e tra parentesi i miei.

---------------------------------------------------------------------

Travaglio doloroso (con aborto)

C’è un Travaglio sofferente in corso (battuta poco originale, ma il cognome effettivamente si presta). C'è dolore interiore e angoscia per le dichiara­zioni di Grasso che archi­viano definitivamente le accuse di mafio­sità per il Cav (mmm....io ci andrei piano. In realtà Grasso ha parlato di premio per quanto fatto dal Governo Berlusconi contro la mafia. A parte che questa è un'opinione di Grasso, tra l'altro del tutto opinabile,  vorrei capire come questa possa "archiviare definitivamente" le accuse di mafiosità per il Cav! Se fosse così semplice, qualcuno potrebbe arrestare il Cav solo sulla base di quanto invece dicono altri magistrati. Fortunatamente, in uno Stato di diritto, le opinioni restano tali e solo le sentenze hanno valore LEGALE) 

 

(notate la sempre ottima foto scelta dal Giornale. Travaglio è stato immortalato con un'espressione non propriamente felice...per non dire altro)
Per Travaglio Marco  ed Ezio Mauro (e perchè per Travaglio usi prima cognome e nome e per Mauro no? Cognome e nome come si fa per i criminali sui giornali? Ma è una mia impressione naturalmente), direttore de La Repubblica, pubblicare ieri una simile notizia è stato come partorire con dolore (immagino che tu abbia le tue fonti per dire questo). Tanto che, più che un parto, il risultato è stato un aborto (perchè mi disturba il modo in cui accosti parto ed aborto?). La Repubblica l'ha nascosta in dieci righe a pagina 17 , il Fatto di Travaglio non l'ha neppure pubblicata e, raro esempio di giornalismo, l'ha offerta ai suoi lettori sotto forma di una smentita (manco fosse l'ufficio stampa della Procura di Palermo) firmata da Travaglio medesimo (chissà che shock per te. Del resto il Giornale è famoso per pubblicare sempre tutte le notizie, anche le più scomode per casa Berlusconi no?).
L'Unità ha cambiato formato ma non pelle, e ha fatto ancora meglio: neppure un rigo (da che pulpito!). Su casi inversi, Emilio Fede è sempre stato più corretto e leale con i suoi ascoltatori (e pensare che Mediaset l'ha mandato a casa.....), Augusto Minzolini ora appare, quale è, un gigante di libertà e professionalità (ma quindi scusa, prima di questo "incidente" di Repubblica, del Fatto e dell'Unità, Minzolini cos'era? Un nano di libertà e professionalità? Perchè uno tonto come me questo capisce da quanto hai scritto...così, per chiarezza.Dicci cosa pensi di Minzolini dai...).
Eppure di mafia Travaglio e Mauro se ne dovrebbero intendere (in che senso?). Ogni peto (ma che schifo! Ma i lettori meritano queste espressioni?) di pentito contro Forza Italia diventa titolone (ma Forza Italia è tornata? Perchè io sono rimasto al predellino, di quando Silvio l'ha sciolta dal tettuccio dell'auto), quando non libro (sembra invidia...), e il primo dei due con un presunto mafioso ci ha passato pure le vacanze (salvo trascinare in tribunale chi glielo ricorda, come è accaduto di recente a Gianni Riotta, altro cuor di leone del giornalismo)(potevi osare un filo di più, così che Travaglio portava in tribunale anche te insieme a Riotta. E invece ti sei limitato ad un "ci ha passato pure le vacanze". E poi, in che senso intendi che Riotta è un altro cuor di leone del giornalismo?) Il mito di Ingroia, pm senza macchia (puoi aggiungere anche ONESTO e FEDELE SERVITORE DELLO STATO) , è a pezzi(dici? E su che basi? Perchè non sviluppi il concetto, così che anche un imbecille come me capisca?) i lacchè delle Procure  stendono il cordone sanitario (i lacchè delle Procure chi sarebbero? Travaglio e Mauro? Perchè non lo precisi bene? Scritto così lasci il dubbio e, immagino, eviti la querela): tacere, nascondere, minimizzare o rivangare e vendere come fresche tesi accusatorie già smontate e seppellite da sentenze definitive che ovviamente si tacciono (potevi cogliere l'occasione per far luce tu, invece di dare del lacchè ad altri giornalisti no? Parla di queste sentenze che seppellirebbero pitipì e pitipù dai..).
Chi di pm ferisce(chi?), di pm perisce (ma che vuol dire? Ma di che parli? Ma che senso ha questa frase?). Ma se fossi in Piero Grasso non starei tranquillo (aia...e perchè?). Nei cassetti dei nostri eroi ci sono veline per tutti (ah, intendi  la macchina del fango? Quella tipo del "metodo Boffo"?), soprattutto per chi si sottrae al gioco del dagli al Berlusconi mafioso (un gioco. Ecco cos'è. E' solo un gioco. Allora avvisa tu chi ha scritto l'ultima sentenza per Dell'Utri, in modo che si capisca che chi ha pagato i mafiosi per protezione, ma anche per fare affari, prima del 1992, l'ha fatto per gioco).
------------------------------------------------------------------------------


DEMOCRAZIA LEGA

Pare che Maroni sarà il CANDIDATO UNICO per la segreteria "federale".
Candidato unico?
Il solito modo di dimostrare quanta democrazia c'è in casa Lega?

MA PERCHE' I LEGHISTI NON MIGLIORANO MAI?
E SOPRATTUTTO, COME FATE ANCORA A VOTARLI?

LEGA:LA FOTO DEL MOMENTO

Contro il mio interesse (sono un antileghista convinto!), volevo informare i signori leghisti che la foto che hanno scelto per rappresentare la Lega del momento non è che sia proprio memorabile....


Voi che dite?
Non mi sembra che i "nostri eroi" (dovrei dire gli eroi dei leghisti) siano venuti proprio bene....

Immagino che Maroni per la "Lega 2.0" abbia in mente una foto con un solo soggetto protagonista: quello con gli occhialetti rossi e i baffetti da impiegato del Catasto anni '50!....

domenica 13 maggio 2012

IL GIORNALE E IL PROCESSO RUBY

Ho letto e riletto questo articolo del Giornale diverse volte.
Stentavo a crederci.
Avrei voluto analizzarlo con calma, commentandolo, ma è davvero troppo anche per me.
Questi articoli resteranno nella storia d'Italia come fu per l'Istituto Luce del ventennio fascista.
La cosa più tremenda è che è stato scritto da una donna.
Dedicategli 5 minuti. Leggetelo.
Vi fa capire tante cose.

NB: ma l'Ordine dei Giornalisti a cosa serve?

Mi sento di fare solo un'osservazione: secondo il racconto della giornalista, i carabinieri "assuefatti e gentili" al "tavolino degli accrediti" le hanno chiesto se era lì in veste di teste. Vorrei capire perché la giornalista ha scritto nel titolo dell'articolo "scusi, ma lei è una escort?"
Un articolo talmente indecente da essere inverosimile.

venerdì 11 maggio 2012

LA RIVENDICAZIONE DELL'ATTENTATO DI ADINOLFI


Premetto di non essere un esperto di anarchia, nè di avere nozioni sufficienti per poter esprimere un giudizio circa l'attendibilità del documento, ma l'ho letto attentamente e credo sia falso.
Perchè?
Mi sembra molto didattico. Troppo didattico.
Sembra scritto da qualcuno che, pur conoscendo bene il mondo che ruota intorno all'anarchia, ha tentato in tutti i modi di "tradurlo" per chi invece non mastica la "materia".
Il cappello iniziale sembra poi estratto dal curriculum vitae di Adinolfi.
Che senso ha rivendicare un attentato, dedicando una pagina intera all'illustrazione della struttura aziendale dell'Ansaldo?

E poi quanti termini "specifici" messi lì un pò a caso (cittadinismo, capitalismo diffuso, anarch-ismo ideologico, ecc ecc) , quanti nomi di cellule estere, di "fratelli e sorelle" (come li chiamano) e quante informazioni inutili di contorno.

E della scontatissima citazione iniziale di Bakunin ne vogliamo parlare? 
Un documento senza capo nè coda. 
Un miscuglio di "terrorismo ecosostenibile" a metà strada tra il brigatismo rosso e l'anarchia pura, il tutto infarcito di  visioni immaginifiche di un eden globale retto dal dio del "volemose bene".
Leggo dal sito del Corriere che gli investigatori ritengono il documento attendibile.


Immagino che ciò dimostri la mia incompetenza in merito. Ma io esprimo solo un giudizio, un'impressione.


Avendolo subito giudicato un falso, evito di perdere altro tempo nella ricerca di "errori evidenti"; ma immagino che, con un pò di tempo e di voglia, inserendo qualche "termine specifico" nel motore di ricerca di Google, si possa scoprire qualcosa di interessante.

Infine, ci tengo a sottolineare che, a prescindere dall'attendibilità o meno della rivendicazione, chi si è macchiato dell'attentato ad Adinolfi resta un fottuto criminale.
Non usi "scudi" ideologici e/o politici per nascondere ciò che è solo violenza.
L'uso della violenza non può essere mai giustificato.
In nessun caso.

Punto.

Contrastare il vorace capitalismo si può e si deve, ma con l'uso esclusivo della ragione e restando fedelmente nel recinto della Costituzione e delle leggi italiane.

NB: perchè ho l'impressione che si dia la colpa agli anarchici solo perchè in questo momento c'è un rischio di "anarchia" nei confronti del governo dei banchieri e delle cartelle di Equitalia? Fossimo stati in periodo di elezioni politiche, probabilmente il volantino sarebbe stato con una citazione di Che Guevara e a firma di qualche gruppo comunista combattente (solidale con la guerriglia del Chiapas e del subcomandante Marcos?)...Ok, solo ipotesi le mie. Naturalmente.

IL DISASTRO ELETTORALE DELLA LEGA

Per i leghisti che ancora vanno in giro a dire "alle amministrative abbiamo tenuto", ecco un bel quadretto degli impietosi risultati.

Parlare di disastro è poco.
La Lega ha praticamente perso 2/3 di elettorato.
Se questo è un buon risultato, allora la padania esiste...ah ah ah ah

NB: ignoro il perché ci siano in giro  ancora elettori leghisti (in verità rimasti in pochi....molto pochi)

NB2: la padania non esiste.

NB3: ma perchè i leghisti non migliorano mai?

FILIPPO FACCI (IL GRILLINO CHE ERA IN LUI)


Solo qualche giorno fa, in uno strabiliante quanto improponibile articolo su Libero, Filippo Facci aveva dato libero sfogo alla parte cinquestellina del suo essere (il grillino che è in me).
Naturalmente l'articolo non mi aveva lasciato indifferente, e ne avevo fatto cenno sul blog.


Anche Travaglio ha mostrato interesse alla cosa e ieri, nel programma di Santoro, ha spiegato le contraddizioni tra il Facci dell'articolo in questione e quello del passato (che era tutto peste e corna contro Grillo).
Oggi Facci si difende, mostrando ancora una volta quale sia il suo attuale stato di lucidità.


Ha smentito di avere un "grillino" in sè, spiegando che il suo era CHIARAMENTE (CHIARAMENTE) un tentativo di immedesimazione nell'elettore secondo dei riflessi (le famose meches che gli rinfaccia sempre Travaglio?) che ha cercato di comprendere.
Mmm....mmm...mmmm....


Facci perdonerà il mio scarsissimo intuito ma, dalla lettura del primo articolo, sinceramente non ho capito CHIARAMENTE quello che dice oggi.
Tralascio l'offesa volgare rivolta a Travaglio ("Per liberarsi del «Travaglio che è in me», del resto, basta tirare l’acqua") ed evito anche di confrontare i due articoli di Facci (è CHIARAMENTE dimostrabile che la giustificazione di Facci è quasi più improponibile della tesi del primo articolo).
Mi limito ad osservare ciò che, anche a chi non è laureato in psicologia, appare CHIARAMENTE: Facci non ha un "grillino in sè" ma un enorme senso di inferiorità verso Travaglio.
Per questo non perde occasione per attaccarlo (anche in modo volgare).
Naturalmente è la mia opinione e solo l'Altissimo non sbaglia.
NB:
Quando oggi ho letto la "smentita", ho pensato che Facci avesse organizzato il "trappolone" per Travaglio.
Poi però mi sono andato a riguardare il famoso primo articolo e non c'è traccia di esche e/o trappole da rivendicare successivamente. Probabilmente la sua è stata solo una reazione volta più a ritrattare la storia del grillismo (che sia stato richiamato dal suo direttore? Dalla "sua" parte politica?) che a difendersi e contrattaccare a Travaglio.

NB2:
CHIARAMENTE rinnovo l'invito per Facci: egr.dott.Facci, vada in vacanza. Si riposi. Ne ha bisogno.

LA LEGA DI SETTA E DI GOVERNO

Uno spunto di riflessione sull'intervista della Pivetti della quale fa cenno Saso qui.
Immagino che Saso si riferisca all'intervista che la Pivetti ha rilasciato a Sette (l'inserto del Corriere), della quale riporta uno stralcio l'Unità.
Qui invece un interessante articolo del Corriere datato 11 maggio 1994, che parla proprio delle cravatte azzardate dell'allora neo ministro Speroni (sic)...
Tornassi indietro, al 1994, potrei pure provare  a raccontare agli italiani cosa accadrà in questo ventennio berlusconiano-leghista..
Ma chi mi crederebbe?
leggi ad personam, Bunga Bunga, cerchi magici, lauree farlocche, meteorine in politica, Noemi, Ruby, D'addario, barbari sognanti....chi mi crederebbe?
A pensarci bene, stenterei a convincere anche il me stesso del 1994 !!!!
Perchè, anche se già ai tempi avevo naturalmente le idee chiare sul fenomeno berlusconismo, MAI AVREI POTUTO IMMAGINARE TANTO.

POVERA ITALIA!

LA LAUREA DI PAPITO

Finalmente anche io ho la mia laurea albanese in Menaxhim Biznesi.
L'ho presa a mia insaputa grazie a questo sito.
Ecco il mio attestato:


POI UN GIORNO GIOCHI A CALCETTO E...

E scopri che gli anni che passano si sentono e anche parecchio.
Mi sento come un pedone stirato sulle strisce pedonali da un camion della nettezza urbana.
Ossa rotte.
Ho preso più calci che alla giostra del "cancinculo".
E senza acchiappare la coda del premio.
Zoppico pure dalle mani.
Mi sono svegliato con le gambe montate al contrario.
Ho le ginocchia chiuse a chiave, i talloni dispersi e con le caviglie parlo solo attraverso il mio avvocato.
Del resto non giocavo da agosto.
Ok, sono vivo però. Vivo e vegeto. Vivo. Vegeto.

mercoledì 9 maggio 2012

QUEL COMUNISTA DI FALETTI

Il mio giudizio sul Faletti scrittore certo non cambierà ma, dopo le ultime intercettazioni della Minetti, quello sul Faletti uomo non può che essere positivo.
Quando la Minetti si dimetterà, sarà sempre troppo tardi.
Ma perché i lombardi non scendono in piazza per chiederne le dimissioni?
Di certo questa regione non merita il Consiglio che attualmente (purtroppo) la rappresenta.
Ah, già che ci siamo: FORMIGONI VAI A CASA!!!


FILIPPO FACCI IL GRILLINO


Articolo veramente stupefacente di Filippo Facci.
Mostra davvero il meglio del suo repertorio.

Solo 3 osservazioni:
1) come al solito, Facci con Berlusconi si mostra  davvero molto morbido: un semplice "sparito". La colpa per Facci è dell'Euro (non nomina Prodi per un pelo), di Monti, delle tasse, delle seconde file (tipo Alfano), della classe politica, ecc,ecc,ecc. Di tutti tranne che di Berlusconi naturalmente. Per Facci la sua unica colpa è l'essere sparito.

2) Bossi è definito un "pasticcione rincoglionito". Ottimo. Prendiamo nota per quando alle prossime politiche il "Pasticcione rincoglionito" tornerà insieme a Berlusconi. Confronteremo il Facci di oggi con quello futuro.


3) la chiusura  è davvero memorabile. Un concentrato di luoghi comuni, tra l'altro contrastanti, tenuti insieme solo dallo stile di questo che,a detta di molti, è uno dei giornalisti di punta della destra italiana.
I Suv, il ponte di Messina, il tirare o meno l'acqua del cesso, il "consumo" del pianeta.
Facci, rinnovo il consiglio:urge lungo riposo.
Se davvero c'è un "grillino" in te, non ti sopporta proprio!